01 maggio 2018

Sparare sul pianista? E poi? Che succede?



Ricordate l’ultima scena del bellissimo “Zorro” di Antonio Banderas ed Anthony Hopkins? Rammento appena le parole a braccio… “quando la polvere si posò, tutto era finito…” …così m’è parso di percepire quando Renzi ha finito di parlare, ben imbeccato dal solito leccasuole di rango, Fabio Fazio. Un duetto imperdibile, da mostrare ai nipotini, per fare loro capire – che se lo ficchino ben bene in testa – fin dove può arrivare la perversione dell’essere umano.
Più dolore mi ha causato leggere, qui e là, i commenti dei lettori su vari portali e giornali: quasi tutti contro Di Maio…è stato un ingenuo, è “rinco”, è un pulcino…e via così. Senza accorgersene, seguivano l’onda di Renzi: la politica è roba da stadio, Maremma maiala, te la giochi come una mano a poker…chi ha fatto il Job Act? Mica io! Chi ha salvato Banca Etruria coi soldi dei contribuenti? Io non so’ stato. Io volevo salvare l’Italia con una bella riformina costituzionale, e ‘sti burini d’italiani m’hanno inchiappettato. Che pena.

Posso capire che molti commentassero per partigianeria politica, ma credo che gli utili ingenui abbiano, in queste ore, ingrossato le loro fila.
Ma cosa doveva fare Di Maio?

Un terzo dei votanti gli hanno affidato il mandato: il movimento dei “vaffa” di pochi anni fa è diventato il primo partito italiano. Ed aveva già fatto un po’ d’esperienza parlamentare nella scorsa legislatura: perciò, correttamente hanno detto “se qualcuno vuol fare delle cose buone insieme a noi, noi ci siamo: firmiamo, però, un bel contratto di fronte agli elettori, così non si potrà sgarrare”.
Forse un po’ ingenuo, poiché un governo, quando entra in carica, non sa cosa si troverà davanti: potrà o non potrà realizzare le promesse elettorali, ma si dovrà impelagare anche in faccende che non aveva previsto.
Un po’ ingenuo?
Io non credo.

Di Maio ha fatto tutto quel che ha fatto solamente per far capire a Mattarella che aveva ben compreso quali sono le vie istituzionali di una democrazia, ed ha portato a termine il suo compito senza il minimo errore: secondo me – e l’aria che tirava la capiva anche un grullo – mai e poi mai avrebbe avuto prima il consenso, ossia la firma su quel famoso contratto, e poi i voti dal PD, che s’è visto di che pasta è fatto. Renzi continua a controllarli come dei polli all’ingrasso: al momento buono, saprà a chi vendere bene la sua merce. Altro che voti per il M5S.

Di Maio, con semplicità, ha mostrato agli italiani che il Re è nudo, nudo come non mai. Non lo capiscono? Date loro tempo, dai primi “vaffa” di Grillo sono passati solo una decina d’anni.
Se il primo a mostrare la propria nudità è stato il PD, con un ex segretario “semplice senatore” che va in Tv e mette in riga i vari accoliti d’un tempo, riempiendo le loro tasche d’invettive e (poco) velate minacce, il secondo è quel Salvini che promette urbi et orbi l’abolizione della legge Fornero.
Dimenticando, però, che i suoi alleati sono stati proprio stati gli autori di quel misfatto, che tutti approvarono senza fiatare: solo la Lega Nord e l’Italia dei Valori votarono contro. PD, PDL, Unione di Centro (ex-democristi) e Futuro e Libertà per l'Italia, ossia gli ex di Fini, (più quisquilie varie) s’abbuffarono alla promessa di “risparmi” (sulla pelle degli altri) di decine di miliardi di euro.
Il terzo non è nemmeno da ricordare, ossia il “picciotto” di Arcore che non fa più nemmeno notizia: mandi, mandi i suoi tirapiedi travestiti da giornalisti a verificare se l’amica della compagna di Fico, a Napoli, è una vera amica oppure è a libro paga, mentre Fico risiede a Roma e paga regolarmente una colf. A proposito, già che ci siamo, possiamo vedere la ricevuta del veterinario per le vaccinazioni di Dudù?

Se Di Maio ha una pecca…questa sì…è di capire poco di calcio…eh…davvero…
Qual è l’obiettivo di una squadra di calcio? Segnare un goal in più degli avversari. E come si fanno i goal? Dipende.
Nel caso più semplice, c’è un lancio lungo della difesa, un’ala colpisce di testa a fa un assist alla punta: tiro al volo sotto la traversa, goal. Netto, nulla da dire. Questa – temiamo – è l’idea del calcio di Di Maio.
Ci sono però più casi.
Ad esempio, respinta della difesa, palleggio a centro campo, di nuovo dietro ai difensori, poi appoggio sulla destra, dribbling, traversone verso sinistra, stop, passaggio al centrocampista che arriva in corsa, tiro, respinto dai difensori, carambola sul piede dell’attaccante, tiraccio “sporco”, palo, rimbalzo sulla schiena del portiere. Goal. Detto anche gollicchio o gollonzo, più semplicemente goal di culo. Ma uno vale uno, eh…Di Maio…è così…

Insomma, il parlamento italiano è un po’ come M5S contro Resto del Mondo…cosicché…quelli del Resto del Mondo (da qui in avanti, RdM) sono forti, hanno ottimi giocatori, però non sono abituati a giocare in squadra. Più che altro, tutti vogliono la maglia numero 10 e nessuno vuole stare in porta: capita, capita nei migliori oratori.
Per riuscire a giocare una partita, quelli del RdM hanno bisogno di circa tre mesi d’allenamenti: tu stai al centro, tu un po’ più a destra…tu in porta…eh no, io in porta non ci sto!...allora, da capo…io sto al centro, tu fai la mezzala, no, guarda che oggi si dice “mezza punta”, no, no…perché si comincia col dire mezzala e si finisce per dire “vecchiume”, io non ci sto! E via discorrendo…

Di Maio ha fatto, da subito, l’errore di dire “io faccio il centravanti”: siccome nel M5S nessuno ha fiatato, gli altri gliel’hanno lasciato fare. Mica si fa la strategia per l’avversario.
Ed hanno cominciato le trattative per fare l’11 stellare, la squadra delle 11 Stelle in Movimento.
Venga, venga signor centravanti…dunque…facciamo un bell’accordo di governo…però lei non vuole come terzino Tale…e noi…capirà… Tale dobbiamo farlo giocare, altrimenti Quale s’incavola e non ci paga più la luce dello stadio. Allora è andato di là: venga signor centravanti, che piacere…certo, potremo, faremo, saremo…vediamoci fra una settimana. In quella settimana, Tale e Quale si sono iscritti al campionato inglese e sono migrati: Di Maio è venuto a saperlo da un talk show in prima serata. Piange, poraccio.

A questo punto, il M5S ha ritirato la squadra e l’ha iscritta al campionato di hockey su ghiaccio della Namibia. Per tutta risposta, quelli del RdM hanno subito chiesto: il pallone ce lo lasciate, vero?
E così hanno iniziato i tre mesi d’allenamento: a Ferragosto ci saranno le prime amichevoli, poi si vedrà se incontrare la squadra della Volkspartei oppure il M5S, di ritorno dalla Namibia. Mattarella tenta il suicidio: viene salvato in extremis, adesso è in rianimazione insieme a Napolitano. E chi fa il Presidente? Per ora ci mette una toppa la Casellati, ma – mancando gli ex presidenti da consultare – chiama Fico, prendono un caffè sul Torrino, poi allargano le braccia, sconsolati. Dall’estero, però, mugugnano: italiani del picchio, coprite sempre le vostre magagne con la solita foglia di Fico!

Allora, adesso che faccio? Vi racconto come finisce il campionato o vado direttamente a Zorro? Ok, volete sapere come finisce il campionato.

Ora che il M5S s’è ritirato sull’Aventino – nell’attesa delle elezioni – il RdM propone alla Casellati di fare un governicchio, così, tanto per scaldarci un po’ i muscoli…e se rifacessimo la legge elettorale? La Casellati è d’accordo, Fico un po’ meno, ma lui è solo il supplente della supplente, che ci può fare?

Passa il tempo, Mattarella e Napolitano ronfano, nel loro coma farmacologico, e sognano mozzarelle ed arancini mentre, goccia a goccia, dalla flebo scende la solita, anonima, soluzione di glucosio e proteine.

Il nuovo governo, tutti quelli del RdM, governa oramai da 3 anni quando Mattarella esce dal coma e si risveglia: c’è un governo? Oh…si mette a piangere…non lo speravo più…
Un così bel governo, così tranquillo…perché non farlo arrivare a scadenza naturale? Sarebbe un peccato, proprio adesso che si parla dei mondiali di Pallavolo da assegnare all’Italia…quanti palazzetti dello sport da rifare…Luca Lotti è in visibilio…

Il ministro dell’Interno, Salvini, ha dato ordine di sparare alle navi italiane nel Canale di Sicilia: basta con l’invasione, finiamola! Da Bruxelles, però, hanno pregato di correggere l’ordine d’operazione, aggiungendo un “a salve” dopo le parole “aprire il fuoco”. Gli ammiragli hanno abbozzato, riconoscendo la saggezza d’oltralpe.
Il risultato è stato grandioso: cacciatorpediniere e fregate hanno evoluito mostrando maestosa perizia marinara, mentre le bocche da fuoco da 76/62 vomitavano valanghe di fumo al ritmo di due colpi il secondo.
Il filmato è visibile su Youtube alla voce machecazzofacciamo.youtube.com ed è stato acquistato dalla RAI del Presidente Vittorio Sgarbi: dopo quello sulla parata navale del 1938 di Napoli, è il più cliccato. La Marina è soddisfatta per il successo: Sgarbi, dalla sua postazione sul cesso, in RAI, ha inviato un caloroso #caghiamotuttiassieme ai valorosi equipaggi.
Alcuni, però, sui malandati pescherecci non erano stati avvertiti dell’inghippo europeo ed hanno dato mano a qualche Kalashnikov che avevano giù, in sentina. Risultato: tre morti e 14 feriti sulle navi italiane. Subito definiti “incidenti sul lavoro”, ed immortalati all’hashtag #senzadime/maipiùincidentisullavoroinmare.

Insomma, il nuovo governo – che ha finalmente scritto una legge elettorale, detta “della salvatio” – gode di buona salute, di una robusta maggioranza parlamentare, fornita da tutto l’arco costituzionale (a parte gli “aventiniani” del M5S): pecca un po’ per sostegno popolare, ma non si può avere tutto dalla vita. D’altronde, dopo la luminosa riuscita del 2018, si può guardare con fiducia a tutti gli appuntamenti elettorali da oggi al 2098. Poi, si vedrà.

La nuova legge elettorale è stata scritta sulla falsa riga del campionato di calcio. Le elezioni non si fanno più: si prende l’ultimo sondaggio ufficiale, approvato dall’apposita commissione. Poi, per 45 giorni, i partiti più votati possono fare campagna acquisti fra i non eletti: la fase detta “del trombone”.
Infine, si fanno le elezioni sul modello dei play-off: i partiti, dopo sorteggio, si scontrano con voto elettronico (votando da casa col telefonino), ad eliminazione diretta, fino alla finale: il vincitore, governa col 55% alla Camera ed al Senato. Un sistema molto stabile e veloce: il partito che vince rappresenta, in genere, meno del 10% della popolazione, ma in due mesi si fa tutto e si archivia ‘sto problema delle elezioni.

Il M5S è sempre, oramai stabilmente, il primo partito italiano nei sondaggi: si teme, però, che – a causa della nuova legge elettorale – sia sconfitto nella fase finale dal televoto. La “fase del trombone” è molto importante per inserire nelle liste candidati famosi: una simulazione dimostrava che, ad esempio in Lazio, l’inserimento di Totti da parte di uno dei partiti principali sarebbe determinante per una vittoria schiacciante.

Mattarella, dopo la necessaria riabilitazione, ha incontrato il premier Gentiloni ed il ministro dell’economia Padoan facendo loro i complimenti per l’ottimo lavoro eseguito. Soprattutto per “l’importante continuità di governo che perdura da quasi quattro anni”.
Berlusconi è raggiante, perché Dudù ha scodellato sei bei cucciolini, Renzi è diventato ministro del Lavoro e la compagna (oggi moglie) di Salvini – dopo anni di successi, come presentatrice, in Mediaset ed in RAI – è stata finalmente promossa giornalista: è una delle voci “di grido” del Tg1. Il direttore del Tg1, Fazio, gongola per i successi e lo share della sua rete.
Purtroppo, non è stato possibile archiviare la riforma Fornero: visti gli importanti risultati di “risparmio” ottenuti, l’ONU l’ha dichiarata “patrimonio dell’umanità”, è stata esportata in molti Paesi ed Elsa Fornero è stata nominata senatrice a vita, da un Mattarella perfettamente guarito e raggiante.

Io, questa storia non la volevo raccontare perché ne preferivo un’altra, quella in cui Mattarella mandava tutti a casa e si tornava a votare. Ma è colpa di Zorro, mica mia.
E’ stato lui a comparirmi in sogno, ed a narrarmi il vero finale del suo film: dopo che la polvere si posò – raccontò – in quel silenzio sentimmo dei tamburi rullare. Era il generale di Santa Ana con le sue truppe.
Dopo un solo mese, la miniera era nuovamente in funzione: non era più schiavitù come prima, questo è vero, ma poco ci mancava. Non si lavorava più per i “don”, ma “per il Messico”: questa era la sola differenza.
Sfiduciato, decisi di tornare in Spagna: sotto il falso nome di Zoroastro Mendoza aprii una libreria a Barcellona, dove vissi fino alla morte.

Io volevo raccontarvi una bella storia, di bei sentimenti, di democrazia, di fiducia nel popolo italiano, della sua voglia di cambiare percepita da tutti, con due “4”: il 4 Dicembre 2016 ed il 4 Marzo 2018.
Non pensavo che giungessero a tanto, che si mettessero tutti assieme – dopo tutto quel che avevano detto – per eliminare il M5S dalla stanza dei bottoni. Eppure, io stesso l’avevo previsto (1), ma non ci ho voluto credere. Però, non sparo sul pianista che ci ha provato.

(1) https://comedonchisciotte.org/buffonate-furbizie-da-poco-e-tanta-tanta-ignoranza/

15 commenti:

bambilu ha detto...

La difesa di Di Maio è molto divertente e convincente; però Di Maio mi resta antipatico come mi fu quando NON lo votai come “sindaco di Roma” qualche anno fa perché troppo alemagnaro, come del resto la Virginia Raggio di L’Una Tica. E poi, leccare l’ass hole degli Shylocks della UE Unione Ebrræ! E’ provato che lo ha fatto. Per quanto riguarda “le iene” non mi piacciono. Le loro sceneggiate non sono credibili, tipo quella del pietire la povera bionda che è guarita da un tumore in 2 mesi con la chemioterapia…ma via, siamo forse i parrucchieri della bambole di silicone, e stiamo li a farle una volta ricce ed una volta lisce? Non ci rompano il Gioiello ché scassiamo loro la Nocchia ! Un peccato di Fico è che sfoggia la cravatta blu liberista…brutto codice. Trump, che l’ha inventato, ogni tanto la mette Rosso Antico Socialista. Passando al serio, si sono precipitati a fare il Senato e la Camera dei Deputati. E ce l’abbiamo. Il presidente della Republic of Italy, Inc. è ancora vivo., scevro da coccoloni improvvisi dall’esito oscuro. Abbiamo quindi il Potere “Legislativo” ed il Garante della “Costituzione”. Siamo quindi provvisti di chi ha il DOVERE di legiferare. Noi Elettori, il Popolo Sovrano, ESIGIAMO che facciano una legge elettorale senza trucchi e senza inganni. Ce la presentino e Noi, con i potenti mezzi dell’Intelligenza, Animale ed artificiale, magari frullate insieme come gli sperma di quei due psicos genitori solo maschi, scegliamo la migliore, quella più Ragionevolmente Logica senza stratagemmi e senza raggiri di treccartari bari.
Per fare questo e rivotare in conformità, non c’è bisogno di governo, che è SOLO “l’esecutivo”. Luminari del “diritto” SPQR, se esistete, se non siete del tutto morti, battete un colpo !

Augusto ha detto...

Carlo, te lo devo dire, il tuo pezzo non sono riuscito a leggerlo completamente e non mi piace; sia per l'impianto narrativo sia per il significato.
E, diciamolo, mi sei sembrato troppo acriticamente schierato. Peccato.

Come primo passo: la chiusura a FI, rappresentata comunque da Salvini, ha impedito la formazione di un governo davvero "alternativo".
Quello che la maggioranza degli italiani volevano.
Se, poi, a governo formato ed operativo, FI avesse tentato "strane manovre" M5S avrebbe avuto tutti i voti necessari per schierarsi contro. E, sfasciare tutto.
A quel punto, io e (penso) molti altri italiani avrebbero capito e deciso di conseguenza.

Secondo passo: aprire ad una "conversazione" con il PD ha solo fatto perdere tempo e, probabilmente, ha scontentato molti dei votanti M5S.

Terzo passo: supporre che la Lega accetti una maggioranza raccogliticcia con il PD temo sia pura finzione.
Salvini sa bene che accettando l'"inciucione" perderebbe gran parte dei consensi attuali. Potrebbe sussistere una possibilitá di scissione nella Lega? Probabilmente si. Ma, i leghisti/berlusconiani sarebbero una minoranza; specialmente tra gli elettori.

Adesso non resta che tornare alle urne, eventualmente cambiando la legge elettorale e vedere gli effetti di queste ultime settimane sui votanti...

Bene, cosí la vedo io.

Giovanni S ha detto...

Ciao Carlo,
sei un'ottima penna. Non leggo fino in fondo gli articoli lunghi come i tuoi. E devo dire che non condivido il tuo schierarti con il M5S. Il M4S ha affossato qualunque soluzione per il dopo 4 Marzo. Sono degli incapaci, mi dispiace

Carlo Bertani ha detto...

Scrivo una risposta telegrafica e, spero, esauriente.
Visto l'andazzo delle consultazioni, non le ho prese molto sul serio ed ho usato una stile "champagne". C'è a chi piace ed a chi non piace.
Adesso, sto scrivendo l'ultimo articolo sulla vicenda elettorale, quello nel quale spiegherò perché il M5S era la miglior scelta per l'Italia. Se faranno (come credo) l'inciucione, sarà "bello e impossibile", come la canzone della Nannini.
Grazie a tutti
Carlo

Augusto ha detto...

Pare, ripeto, pare, ci sia ancora una possibilitá di un governo M5S/Lega...
La mia speranza é dura a morire; ma, ha data di scadenza venerdí 11.5.18.
Dopo saró pronto a segare le gambe (con il voto) a quelli che considereró traditori.

Eli ha detto...



Io sono d'accordo con Franco Battiato:


https://www.youtube.com/watch?v=rHN_IeseHKs

Eli

Augusto ha detto...

Siamo alle comiche. Finali.

alsalto ha detto...

Come si possa passare da:
“Il caos che regna in Libia dimostra che l’unilateralismo dell’intervento umanitario è fallito”. E ancora: “Ripudiamo ogni forma di colonialismo, neocolonialismo e ingerenza straniera”

a:
“affrontare insieme in Europa” le sfide del domani “come stati sovrani liberi e indipendenti” nel mondo multipolare.

cosi' come per magia, giusto per citarne una e ce ne sarebbero di assai migliori, degni del piu'sopraffine contratto con "glitaliani",
e' un miracolo tale che al confronto la liquefazione ematica gennariana sbaciucchiata dal baciapile in cravattina azzurra diviene una barzelletta.
Che non fa ridere per giunta.

Ed io sono d'accordo con Eli che e' d'accordo con Franco
https://www.youtube.com/watch?v=iZMf-YJKTDo

Eli ha detto...



alsalto forever

https://www.youtube.com/watch?v=8j963BoHRFE

Rutto benedetto:

https://www.youtube.com/watch?v=5PxxqRyZK-I

Pensa che stavo quasi per tornare a votare, dopo un intervallo di quasi vent'anni, ed avrei votato per i 5Stelle, che sono i meno peggio che offra il mercato.
Ma quando ho visto l'inutile, vampiresca sceneggiata emofila davanti all'arcivescovo di Napoli, ho riposto la tessera elettorale per i prossimi vent'anni. Non mi meritano.
Baciozzi.

Augusto ha detto...

Aggiornamento: forse riesce a nascere il governo M5S/Lega.
Vedremo i risultati...
A prima vista, meglio di un altro governo tecnico; o come lo si voglia chiamare.

Eli ha detto...



Messaggio per Di Maio:

valeva la pena fare tutta questa baraonda per andare a governare con due partiti fascisti, con l'astensione benevola (e qualche ripugnante ministro) della Mummia con tanto di sarcofago?
Bah.
E la causa di tutto ciò è del PD, che ha fatto una legge elettorale demenziale, che si è posto sull'Aventino per far compromettere 5Stelle e Lega, ben sapendo che se governano assieme i 5Stelle dimezzeranno i loro voti, alle prossime elezioni. Gli elettori non li perdoneranno.
A-ri-Bah!

Augusto ha detto...

Elenco quelli che, pare, siano i "punti" del governo M5S+L.
Se riuscissero a farne anche solo il 50% sarebbe grasso che cola.
Certo, ci sará da aspettarsi una grande azione di disturbo da parte di tutti i pennivendoli della carta e della TV, oltre a ritorsioni europee.

- abolizione della Legge Fornero con la reintroduzione delle pensioni di anzianità (accesso alla pensione con più di 40 anni di contribuzione a prescindere dall’età anagrafica). Quota 100 (accesso alla pensione al raggiungimento di quota 100 quale somma di età anagrafica+età contributiva) + quota 41 (accesso alla pensione con solo l’anzianità contributiva). Reintroduzione delle pensioni di vecchiaia prima dell'entrata in vigore della Legge Fornero.

- reddito di cittadinanza sul modello del reddito di autonomia previsto dalla Regione Lombardia che prevede fino a 800 euro mensili di sostegno alle famiglie in difficoltà. In ogni caso, il reddito di cittadinanza dovrà essere strettamente legato alla ricerca di un impiego e non dovrà essere una misura di natura assistenziale.

- piano di riduzione della pressione fiscale che semplifichi il sistema delle aliquote attualmente in vigore. Decontribuzione per l'assunzione di giovani in particolare nel Mezzogiorno. Abolizione dell’inversione dell’onere della prova in materia tributaria. Pace fiscale con lo studio di un sistema di rottamazione delle cartelle esattoriali fino a 100mila euro.

- revisione delle norme sul lavoro (Jobs Act) con la conferma del bonus di 80 euro introdotto dal governo Renzi

- nuova legge contro la corruzione sia per quanto riguarda il settore pubblico sia quello privato.

- regolamentazione del conflitto di interessi per chi intende fare politica e candidarsi alle elezioni. Il sistema dovrebbe prendere spunto dal modello in vigore negli Stati Uniti d'America.

Augusto ha detto...

SECONDA PARTE...

- regolamentazione dell’immigrazione con il contrasto alla clandestinità e rimpatri dei migranti irregolari presenti sul territorio nazionale. Nuovo reato di immigrazione clandestina che consenta di espellere più rapidamente gli irregolari. Protezione internazionale per chi davvero scappa da guerre e conflitti. Revisione dei rapporti con il le comunità islamiche per un maggior contrasto alla diffusione del terrorismo in Italia.

- conferma della fedeltà dell'Italia all'alleanza atlantica (Nato) guidata dagli Stati Uniti d'America, ma richiesta in sede Ue di discutere rapidamente su come superare e in prospettiva eliminare le sanzioni economiche contro la Federazione Russa. Apertura diretta di un dialogo con Mosca e il presidente Vladimir Putin per superare le ultime tensioni tra Occidente e Russia.

- nuovo ruolo dell'Italia nell'Unione europea che metta la difesa dell'interesse nazionale come primo punto del governo. Richiesta ai partner europei di rivedere i principali Trattati europei, non solo quelle che regolano la moneta unica.

- maggiori investimenti sull'ordine pubblico con miglioramenti economici per le forze dell'ordine. Controllo delle città anche con l'utilizzo dell'esercito non solo per il contrasto alla micro-criminalità e alle mafie ma anche per prevenire il pericolo di attacchi terroristici. Lotta alla contraffazione, al bullismo, al cyberbullismo e alle occupazioni abusive di case. Regolamentazione dei campi rom e smantellamento di quelli abusivi.

- no al qualsiasi tipo di svuotacarceri. Riforma della Giustizia con allungamento della prescrizione. Agenti sotto copertura. Introduzione per i reati contro la P.A. della figura del cosiddetto “agente provocatore”, già utilizzata per altri reati, per favorire l’emersione del fenomeno corruttivo che per sua natura non trova l’interesse processuale di alcuna parte coinvolta. Daspo per corrotti e corruttori. Netta separazione tra Magistratura e politica. Separazione delle carriere dei magistrati e modifica della responsabilità civile.

- sviluppo della green economy attraverso investimenti pubblici e piano nazionale per la messa in sicurezza del territorio per la prevenzione di catastrofi naturali come terremoti e alluvioni.

- implementazione del processo di maggiore autonomia per le Regioni che ne hanno fatto richiesta, come Veneto e Lombardia dopo il referendum consultivo dell'ottobre 2017.

- politiche a tutela dei disabili con l'istituzione di un ministero ad hoc.

- revisione della Buona Scuola e regionalizzazione dei concorsi degli insegnanti per evitare trasferimenti da Regione a Regione.

- investimenti nel settore del turismo con un cambio di rotta nella di musei e patrimonio artistico, culturale e architettonico.

Eli ha detto...




IL RUGGITO DELLA PULCE.

L'Evita Peròn de Garbatella, la lepennina de' noantri, Giorgina Meloncina, dal basso del suo 4%, pone le sue condizioni:

"Ci chiedono se sosterremo o no il governo 5 Stelle-Lega. Voglio rispondere a questa domanda pubblicamente e non con trattative sotterranee che non ci sono mai appartenute. In primo luogo la nostra scelta non può prescindere da chi sarà il presidente del Consiglio, perché è evidente che chi guida il governo ne caratterizza l'azione". Lo scrive su Facebook la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, che prosegue: "In secondo luogo, condizioniamo qualsiasi nostra scelta successiva a questi tre No e tre Sì, per noi irrinunciabili: No alla patrimoniale e a qualsiasi introduzione di nuove tasse; No allo ius soli; No alla possibilità dell'adozione per coppie dello stesso sesso. Sì alla Flat Tax immediata al 15%. Sì al blocco dell'immigrazione, sì all'aumento del 15% delle risorse per il comparto difesa e sicurezza, sì all'incremento dei militari nei luoghi a rischio".

E ancora: "Sì a destinare il 50% di investimenti in nuove infrastrutture al Mezzogiorno", prosegue Meloni. "A monte, resta per noi imprescindibile che il governo introduca immediatamente il premio di maggioranza nell'attuale legge elettorale così da permettere senza alibi, in caso di fallimento dell'esecutivo, l'immediato ritorno al voto", conclude la leader di Fi.

https://www.huffingtonpost.it/2018/05/10/giorgia-meloni-fissa-le-sue-condizioni-per-sostenere-un-governo-m5s-lega_a_23431793/?utm_hp_ref=it-homepage

Almeno ci regala un momento di sana ilarità!

E.

Tortora Giuseppe ha detto...

Salve a tutti,
Hai bisogno di un prestito per i bisogni della tua famiglia, aumenta la tua attività o il tuo business da 3.000 a 500.000 € o il 2% a un tasso di interesse del 2%. Email di contatto: tortoragiuseppe54@gmail.com o +33756857346 su WhatsApp per ulteriori informazioni