13 febbraio 2013

Mario Monti Papa!



Il giornalista: Carlo Bertani
Frà Bernardo Segredo del Castillo Serrado: Paolo Bertani
Don Aloisio Cacciabal: Mario Foresi

10 commenti:

Eli ha detto...

AHAHA!

Ancora rido. Complimenti per la fantasia e per l'interpretazione. Vedo che il carnevale impazza dalle tue parti...
E ridere è meglio che prendersi sul serio.

Candidatura per il prossimo papa: Silvio Berlusconi, col di nome Pio Percùlo.

doc ha detto...

Io + fortunato di te Eli, l'ho visto e sentito dopo carnevale, il che mi ha permesso di seppellire le ceneri con una risata. Anzi una lunghissima risata.

E poi, vedere Carlo quale moderatore nella novella scuola dei sofisti... beh una vera goduria.
Grazie
Doc

Eli ha detto...

Caro Doc,

anch'io vedo e sento Carlo coi tuoi stessi mezzi (ahaha!). A meno che non abbiate avuto un incontro segreto del terzo tipo...
In effetti la vostra amicizia è il più bel retaggio dell'esperienza natatoria.In tempi di ominicchi e quacquaracquà è un privilegio poter dialogare con due uomini veri, almeno per me.
Ciao.
E.

Carlo Bertani ha detto...

Pensate che abbiamo imbastito un canovaccio senza scrivere nulla. Va Beh...Mario è un ex attore (è lui che ha dato l'annuncio papale) e mio fratello è un talento naturale.
Era tutta improvvisazione, solo i ruoi erano definiti.
Quando tutto è finito, riguardandolo, spisciazzavamo dal ridere e sono uscite altre battute, tanto da poterci fare altri due video.
Abbiamo deciso di fare anche una tribuna elettorale.
A presto
Carlo

kingeagle ha detto...

Stemperare la tensione con una risatina (non riesco a ridere oggi) è un aiuto non indifferente per la nostra sanità mentale. Grazie per il video.

Massimiliano Blandino ha detto...

E il teatro fu...BRAVI!

Appena scendo a trovarvi mi ritaglio un ruolo pure io, che ne so un "Fra Telli d'Italia"

Anzi, fate una tribuna e invitateci via Skype così avrete gli ospiti in diretta tv.

ciao e clap clap clap!



Eli ha detto...

Intanto il nuovo conclave costerà cinque milioni di euro alle casse del comune di Roma, già parecchio dissestate da Alemagno e dai suoi camerati.
Ma perché i vaticAni non se lo pagano da soli, coi soldi loro, visto che ne hanno tanti?

Carlo Bertani ha detto...

Quando scendi Max? Faccelo sapere. Sei sempre rintanato in Langa?
Non sapevo che ci toccava pagare anche il conclave. La risposta è semplice: se lo pagano altri, noi risparmiamo i soldi!
Per i poveri, ovviamente: è dai tempi di S. Francesco che c'inchiappettano in questo modo.
Ciao a tutti
Carlo

Eli ha detto...

Non paghiamo il conclave direttamente, anche perché si cucinano da soli...hai visto mai!
I denari servono per i vigili urbani, la raccolta rifiuti, la gestione del traffico eccezionale, le pattuglie di polizia e per tutta la logistica, a causa dell'afflusso di turisti religiosi
E se non venisse eletto nessun papa? Basta! Poi lo stato espropria tutti i beni del vaticAno, e le gerarchie le spedisce in Alaska, od in Islanda. Che se le godano un po' anche loro, per favore, e ci liberino da questo cancro!!!

Nel frattempo Carlo, osserva questa bella stretta di mano massonica fra Bin Loden, sherpa delle banche e Bersan, sherpa dei "prenditori", che non meritano di chiamarsi imprenditori.
Ciao!

http://www.tankerenemy.com/

Massimiliano Blandino ha detto...

No, giro in giro, ma a primavera mi faccio vivo...

Sti grossi massi, sti Mimimmi...mah, ripiego su questa frase storica:

Cronista: "Signor giudice, è il caso di chiederle se dopo le drammatiche disavventure che ha avuto, lei crede ancora nella giustizia."

Salvemini: "Ma, dopo le recenti amare esperienze, io mi chiedo se è ancora utile investire tante energie per l'applicazione della legge, o se invece, rinunciando a vacue speranze e ad aspettative mai ripagate, non ci convenisse accettare l'ingiustizia come regola e non come eccezione. Questo nella speranza, ovviamente, che almeno l'ingiustizia sia uguale per tutti!"

E poi aggiunge: "Scusatemi signori, ma sono inquisito, i giudici mi aspettano!"

dal film "Tutti dentro"