15 luglio 2009

Lettera aperta al Ministro della Giustizia

Gentile on. Alfano,
mi ritrovo, a quasi due anni dalla lettera aperta che inviai all’allora Ministro dell’Interno Amato[1], a scriverle per cercare di capire cosa stia succedendo in questo Paese.
La recente sentenza contro l’agente di Polizia Spaccarotella, responsabile della morte di Gabriele Sandri, apre scenari e quesiti che ci sembra il caso d’affrontare.
Non siamo così incompetenti da non aver compreso le ragioni di quella sentenza: in parole povere, i giudici non hanno ritenuto volontario l’atto dell’agente, comminandogli la pena riservata a chi uccide senza volerlo, per sola colpa intrinseca nel suo agire.
In altre parole, l’uccisione di Gabriele Sandri è stata parificata ad un grave incidente stradale: se un qualsiasi automobilista, ubriaco, dovesse travolgere sulle strisce pedonali una persona, i due casi – a questo punto – potrebbero essere messi in relazione.
Spaccarotella uccide senza volerlo, per sola colpa legata alla leggerezza con la quale ha usato l’arma in dotazione, così come l’automobilista – il quale sa che l’alcool riduce i riflessi – doveva esser conscio del pericolo di mettersi alla guida in quelle condizioni. Anche in questo caso, però, rimane qualcosa che non quadra.

Nella sua requisitoria, il Pubblico Ministero aveva chiesto la condanna a 14 anni di reclusione per omicidio volontario, sottolineando però la necessità di concedere le attenuanti generiche, poiché Spaccaroltella, con quell’atto – che, per le modalità di svolgimento, il magistrato aveva ritenuto volontario non tanto per le motivazioni, ma in essere dell’atto stesso (sparare ad altezza d’uomo…) – aveva non solo stroncato una vita, bensì rovinato la propria. Oggi, dopo la sentenza assai “morbida”, non siamo in grado di stabilire quanto Spaccarotella abbia rovinato la sua vita: per i meandri del codice penale, sappiamo che non andrà in carcere, bensì attenderà il secondo grado di giudizio libero come un fringuello. E, i suoi avvocati, hanno già comunicato che ritengono la condanna a 6 anni di reclusione (tre reali, considerando la legge Gozzini) troppo pesante.

Quello che non quadra, nella sentenza, è che a Spaccarotella è stato riconosciuto d’aver ucciso per sola colpa (senza volontarietà dell’atto) e sono state, in aggiunta, considerate delle attenuanti (con la sola aggravante della previsione dell’evento): il che – come giurista non potrà che concordare – fa a pugni con la logica del Diritto.
Se veniva accertata la volontarietà dell’atto, le attenuanti generiche potevano anche essere riconosciute (a parere dello scrivente no, perché a un tutore dell’ordine non può essere concesso il privilegio dell’ignoranza, ossia di non conoscere la pericolosità delle armi da fuoco), però, passiamo questa impostazione per buona.
Se, invece, viene accertata la sola colpa – essendo la colpa stessa un vulnus del comportamento – come possono essere riconosciute delle attenuanti?
In tutta onestà, signor ministro, questa sentenza ci pare congegnata, e neppure tanto bene: sarà che a pensar male ci si azzecca, ma qui non c’è nemmeno bisogno di pensare troppo male.
Il Pubblico Ministero che chiede le attenuanti e la volontarietà dell’atto e…la volontarietà viene negata, mentre delle attenuanti sono concesse? Non le sembra una contraddizione in essere?

A questo punto, posto che uno qualunque di noi avesse un diverbio con un “pataccaro” per un Rolex fasullo, all’esterno di un qualsiasi autogrill – e ne scaturisse un violento diverbio – un agente di polizia sarebbe autorizzato a sparare? Certo, rimarrebbe la sola colpa, ma nemmeno un giorno di carcere: per una vita umana, ci sembra un po’ pochino.
E se, all’opposto, scoppiasse un diverbio fra un agente di polizia ed un’altra persona e un cittadino – con arma regolarmente denunciata o porto d’armi – sparasse ed uccidesse, per sbaglio, l’agente – temendo chissà quali sviluppi del diverbio – le attenuanti e la colpa sarebbero concesse?

Purtroppo – signor ministro – siamo autorizzati a pensar male dalle troppe volte che la polizia, in questo Paese, ha sparato e l’ha fatta franca: da Reggio Emilia nel primo dopoguerra, ad Avola e Battipaglia contro i braccianti negli anni ’60, e poi via, con lo stillicidio di giovani uccisi per non essersi fermati all’alt di una pattuglia, oppure ammazzati da un impeto di “legalità” di qualche vigilantes. E Giorgiana Masi, che attende ancora un perché.
Non ci è sfuggito che, sui media, la notizia è stata sempre associata con la cattura del violentatore seriale di Roma: insomma, la polizia sbaglia ma, ogni tanto, qualcosa di buono combina. Peccato che, per la persona Gabriele Sandri, questo teorema non funzioni.

Le chiediamo allora perché, se le forze di polizia sono così ben addestrate e capaci, come mai un terzo dell’Italia sia governata dalle mafie, e come mai in certi quartieri di Napoli la polizia faccia solo qualche rapida “comparsata”. Forse perché è più facile fare i gradassi e sparare a casaccio in un autogrill, piuttosto che affrontare la vera delinquenza?
Da ultimo, le chiediamo di rivedere le regole d’ingaggio delle forze di polizia – sì, abbiamo usato un termine solitamente riservato alle forze armate – poiché, gli indigeni che abitano questo Paese, qualche diritto dovrebbero ancora averlo, almeno quello di non essere ammazzati per strada senza un perché, al pari degli iracheni.
Forse che, questo tourbillon d’attenuanti e colpe, ha altre finalità? Non la finiamo proprio di pensar male.

Sì – ministro – perché avete piazzato per le strade l’esercito – roba da Paese golpista sudamericano – e non ci sembra che la situazione sia cambiata sul fronte della lotta alle mafie, il vero problema italiano.
Che…quei militari per le strade siano destinati più a reprimere il dissenso sociale che la criminalità organizzata, visto i “chiari di luna” economici che ancora c’attendono? E che la sentenza di Spaccarotella – a questo punto ben congegnata, con un “assist” del PM alla corte – non sia altro che un segnale, inviato al milione d’armati che ci devono controllare, ossia “state tranquilli: lo Stato sarà sempre dalla vostra parte”?

Certo, quello Stato beffardo e violento, che conosciamo dai tempi di Bava Beccaris: lo stato dei sudditi da reprimere, della popolazione da schiacciare sotto il tallone delle caste. Ovvio che, a chi deve fare il “lavoro sporco”, non si può negare nulla: gliel’avevo detto, a pensar male, talvolta ci si azzecca.
Con freddezza.
Carlo Bertani

8 commenti:

Orazio ha detto...

Spaccarotella ha avuto una condanna mite e già ha chiesto di tornare in servizio, io lo accontenterei subito e a settembre lo manderei a fare ordine pubblico in uno stadio dei più caldi d'Italia.

marco03 ha detto...

Per quanto mi riguarda è un pò difficile esaminare questo caso anche perchè sono un pò prevenuto nei confronti del mondo del calcio e dei suoi supporters che oramai più che supportare le loro squadre si sfogano a calci e pugni.Ricordo di una ricostruzione dei fatti da parte di Ruotolo su annozero (so che non lo gradisci però per me è informazione) nella quale si risaltava la situazione di disagio di questi due poliziotti i quali stavano effettuando una perquisizione su un auto dall' altra parte della strada nel mentre avveniva una zuffa tra supporter juventini e quelli della macchina di Sandri nella quale sembrerebbero essere stati trovati oggetti contundenti.Premesso che non sono in grado di giudicare un esame balistico e dire se una pallottola può essere deviata da un reticolato però mi sembrerebbe che una qualche attenuante ci sia in questo caso visto che si doveva controllare due situazioni pericolose a distanza.Quello che fu fatto al G8 a Genova fu veramente un atto volontario nelle quali le forze dell' ordine agirono in maniera premeditata su un gruppo di pacifisti mentre dormivano. Nel caso di Sandri con tutto il rispetto per lui e la sua famiglia non saprei proprio dire se il contesto certamente più violento controllato in quel momento da due soli poliziotti sia cosi grave da giustificare una sentenza eventualmente più grave.

LucaCec ha detto...

Anche nei blog c'è qualcuno che associa le due cose, in effetti ossia Bianchini e Sandri, (al di là del fatto che su Bianchini per ora dovrebbe vigere la presunzione di innocenza) per esempio in un indegno post pubblicato da Wolfstep ieri.
Il messaggio sembra essere quello che hai proposto tu: "queste guardie sono un po' dei farabutti, che se non vi fermate all'alt vi fanno pum pum sulla testa, ma in compenso i violentatori se li bevono".
E nello stesso tempo sembra esserci un messaggio per tranquillizzare le forze di polizia sull'atteggiamento, per così dire, abbastanza accomodante della magistratura rispetto a eventuali morti ammazzati in eventuali dimostrazioni. In fondo, erano dei facinorosi...

Roberto ha detto...

Mentre leggevo il tuo articolo mi veniva in mente proprio quello che hai affermato nella sua conclusione.

In effetti frasi come "La polizia è al servizio del cittadino" sono solo vuota retorica un po' come quella che campeggia in tutte le aule di tribunale "La giustizia è uguale per tutti".

In realtà la polizia è sempre stata, prima di tutto, uno strumento per preservare il potere, potere che oggi più che mai si sente minacciato dai malumori del popolo sempre più schiacciato dalla crisi che avanza e che comincia ad accorgersi delle enormità perpetrate dalle politiche neo liberiste di questo governo sciagurato.

Orazio ha detto...

Roberto ha ragione le forze di polizia sono storicamente uno strumento per tenere al guinzaglio il popolo. Purtroppo quello italiano è duro di comprendonio e impiegherà molto a capire come lo hanno imbrogliato i politici sostenitori del neoliberismo, aggiungi che le armate mediatiche berlusconiane lo temgono e lo terranno a lungo sotto ipnosi. Vedi in Abruzzo dove Berlusconi è tornato e ancora non l'hanno fischiato e preso a pernacchie.

Roberto ha detto...

Scopro adesso che di 'Roberto' ce ne sono due, io e "l'altro"...

Infatti il Roberto 'sopra' non sono io...

per distinguerci posso dire che:

io, Roberto Abate, ho praticamente sempre siglato i miei post con "RA"
ed in vece 'questo' Roberto mi pare che non sigli...

In più il mio 'profilo' è non accessibile mentre il suo sembra di sì...

Ovviamente un grosso benvenuto (mi sembra sia la prima volta che lo trovo) al 'nuovo' Roberto...

salutations

RA

Spartaco ha detto...

Ciao Carlo. Sono un abbonato al sito Effedieffe e ho letto l'articolo in questione. Blondet non ha mai affermato che Israele attaccherà l'Iran entro l'anno, ma cita il Jerusalem Post che lo afferma.
Questa la fonte portata da Blondet:
1) «World may back Iran op as part of deal», Jerusalem Post, 16 luglio 2009.
Questa ipotesi è avvalorata anche dal Times e Haaretz, altre due fonti citate da Blondet.
Forse, come ha detto qualcuno, Blondet non nutre molta simpatia per Israele, le sue analisi però non sono mai mosse da emotività e pregiudizio, ma sempre corroborate da fonti, fatti e citazioni. Leggete Barnard, Finkelstein, Pilger o Chomsky, vi sembreranno tutti antisemiti o filoislamici, e invece sono intellettuali e reporter riconosciuti a livello internazionale.
Carlo, spero che tu abbia letto bene tutto l'articolo e non ti sia fermato a ciò che ti hanno riferito.
Marco Messina
http://marcomessina.wordpress.com/

ingiustizia-italiana ha detto...

Delinquente giudice Bianchi avvocato giudice Minudri Tortona Voghera hanno preso soldi per truccare il processo e poi condannato l’innocente che non aveva dato la bustarella di soldi (il pizzo) per il giudice corrotto…. Perché l’avvocato Muggiati ha preso soldi due volte?? Io sono stato derubato, rovinato. I due giudici corrotti non sono stati puniti. Tanti giudici dicono delinquente ai politici e dimenticano di dire quanti schifosi corrotti giudici sono presenti all’interno dei tribunali…. I giudici corrotti sono tanto numerosi da danneggiare i loro colleghi onesti e hanno rovinato mezza Italia!! Volete sapere di più?? Cliccate in Google: < Ferrante Salvatore Voghera > < Ferrante Salvatore Voghera Milano >--< Ferrante Salvatore Tortona Voghera >--< Ferrante Salvatore Voghera Canicattì >
Scaricate da spedire agli amici: www.cattivagiustizia.com
www.ingiustiziaitaliana.com