10 agosto 2019

L’uomo nero


Si fa presto a credere/incolpare Salvini di ciò che sta accadendo: in realtà, Salvini – come sempre – recita il suo copione come dai tempi nei quali scaldava la sedia al Parlamento Europeo – fu uno dei maggiori assenteisti – e poi piombava a Milano, dove imbastiva roboanti interviste dove se la prendeva con i “negher”, gli albanesi, i marocchini, e via discorrendo.
Non varrebbe nemmeno la pena di scaldarsi così tanto per una persona del genere: non ha mai fatto una mazza, non capisce una cippa di questioni economico/politiche e se la cava piuttosto male anche nel confronto politico.

Difatti, sa fare solo comizi: è il comiziante perpetuo, l’infaticabile arringatore, proprio come lo è Renzi, come lo fu Mussolini, e come lo fu Berlusconi, per altro avvantaggiato dall’entrare – come e quando voleva – nelle case degli italiani per rincitrullirli.
Quest’uomo, che chiede i “pieni poteri” (!) – manco fossimo in guerra, e non sa nemmeno cos’era la figura del dictator latino! – fa più pena che risentimento. Crede d’andare al governo, di fare e disfare a suo piacimento, d’obbligare l’UE ad un deficit del 3,5% non per fare innovazione, ma semplicemente per non far pagare le tasse ai suoi compagni di merende.

Perché se vuoi capire Salvini, devi un momento allontanarti dalla sua figura e mettere sotto la lente d’ingrandimento i suoi compagni di merende, sui quali – al posto della Flat Tax o della TAV – stava per abbattersi la “madre” di tutte le riforme, ossia la riforma Bonafede sulla Giustizia, che fermava la prescrizione dopo il primo grado di giudizio. Insomma, o c’è un’archiviazione od un’assoluzione, oppure vai avanti senza più l’ombrello protettivo e, se c’è da andare in galera, ci vai.
Difatti, con i 5S al governo, abbiamo tutti visto Formigoni entrare in carcere – grazie alla Spazzacorrotti – ma uscire dopo pochi mesi perché la norma era di difficile applicazione retroattiva. In altre parole, il passato è passato, ed il diritto ha un cardine che deve essere rispettato: nullum crimen, nulla poena sine praevia lege poenali, che grosso modo vuol dire che i reati si possono giudicare solo sulla base di una legge pre-esistente.

La riforma Bonafede, invece, fermava la prescrizione subito dopo un giudizio di condanna di primo grado: questo è l’aggravio, pesante, per tutti i corruttori ed i corrotti di professione, che in Italia sono la maggior parte degli im-prenditori. Benetton docet.
Non mi soffermo neppure un attimo sulle nuove “promesse” di Salvini, perché la sua macchina propagandistica è ritmata proprio da questo processo: sfornare ogni giorno che passa nuove illusioni – per occupare la mente degli adepti costantemente e, contemporaneamente, cancellare le promesse mancate. Non doveva rispedire in Africa 500.000 persone? E chi se ne ricorda più…

Torniamo, allora, alla genesi di questo governo e studiamo bene le mosse di un partito di minoranza che deve coalizzarsi con quello di maggioranza relativa: l’obiettivo è, semplicemente, scardinare l’azione di governo per far apparire gli altri incapaci e, grazie alla formidabile macchina di propaganda studiata, invertire i flussi.
La Lega  e questo lo ha detto subito chiaramente – non abiurava la sua partecipazione all’alleanza di centro destra, e qui – ai 5Stelle – qualche sospetto doveva già scattare, ma non scattò: si fidarono ingenuamente di Salvini, pensarono che volesse far sinceramente parte del “governo del cambiamento”, ed oggi è tardi per recriminare, però non è affatto tardi per combattere chi ha tradito. Conte lo ha dimostrato alla grande: Salvini continui pure la sua campagna elettorale sulle spiagge, quando rientrerà nei palazzi del potere troverà pane per i suoi denti.

E veniamo all’uomo nero.
Alla formazione del governo, Giorgetti andò ad occupare una posizione chiave: sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Era giusto: al partito di maggioranza relativa il presidente, all’altro partito il ruolo di “assistenza”. Bisogna sapere, però, che fra Conte e Giorgetti non c’è mai stata collaborazione: tuttavia, Giorgetti era a conoscenza di tutte le mosse di Conte che, ovviamente, “passava” in anticipo alla macchina propagandistica.
Giorgetti, dall’inizio del governo di coalizione, da un lato informava gli spin doctor dell’informazione, dall’altra si teneva in contatto con Berlusconi che, oggi, rialza la testa e torna a porre condizioni a Salvini.

La sera precedente lo scontro in Parlamento sulla TAV, Salvini, con Giorgetti, era ad Arcore, dove si è incontrato con Berlusconi e Tajani: avranno parlato di TAV? Senz’altro, perché interessava a tutti i cementieri amici del Cavaliere, ma il punto essenziale era un altro: la riforma Bonafede, la fine dei tanti trastulli tangentizi, sempre protetti dalla “coperta lunga” della prescrizione: in queste faccende, il ministro Bongiorno è maestro, da sempre, senza scomodare gli avvocati del Cavaliere.
La riforma, se ben ricordate, fu subito richiesta dai 5Stelle, ma Salvini si oppose richiedendo una “rivisitazione complessiva del processo penale”, che Bonafede accettò di buon grado, giungendo ad una riforma che tiene conto di vari fattori – come la durata dei processi, che si accorcia, alla responsabilità dei magistrati, ecc –  insomma, è una buona riforma, che non si vede il motivo di non dover approvare.

Già: ma che fine faranno i Benetton, ad esempio, oppure i Siri e gli Arata, se si dovesse dimostrare che erano in combutta con Nicastro, grande “elemosiniere” del boss Messina Denaro?
La riforma Bonafede tranciava un principio che è vecchio quanto lo Stato Italiano: la Giustizia deve essere severissima con i cafoni, ma non deve toccare i padroni del vapore. Non perdo tempo a segnalare la lunga lista: l’ultimo a godere della prescrizione è stato Umberto Bossi, per la questione dei 49 milioni spariti.
Allora, bisogna far presto: non si può più aspettare: Matteo, ma non vedi che i sondaggi ti acclamano nuovo dux della Nazione?

Su questo, ho dei dubbi.
Anzitutto, che il governo cada non significa che il Parlamento verrà sciolto: di questo meccanismo il padrone assoluto, piaccia o non piaccia, è Mattarella il quale, per adesso, se n’è andato in vacanza in Sardegna. Quando tornerà? Non ha fornito date.
La freddezza di Mattarella – che prima di partire ha incontrato Conte – non stupisce ed è stato senz’altro molto infastidito dalle boutade di Salvini: voler aprire una crisi Ferragosto, non sta in piedi. Le ultime elezioni ad Ottobre furono quelle del 1919: non mi sembra che i bolscevichi occupino le fabbriche in armi…che fretta c’era?
La TAV poteva passare, le Autostrade pure…ma la riforma Bonafede no, perché da quel giorno in poi sarebbero finiti i giochetti lucrosi, le commesse gustose, gli appalti all’acqua di rose.

Il M5S ha commesso molti errori, su questo non c’è dubbio:
1) Ha creduto a Salvini, senza precauzioni, mostrando quanto sono allocchi;
2) Non si è premurato di costruire una propria rete giornalistico-televisiva, quando ne aveva tutti i mezzi;
3) Ha emarginato il suo uomo di punta nel dibattito: Alessandro Di Battista;
4) Non ha mai fatto valere il vecchio manuale Cencelli, ossia che aveva (ed ha) il doppio dei parlamentari della Lega;
5) Non ha saputo creare un’organizzazione interna, diversificata, polivalente;insomma: un partito vero;
6) Non ha mai chiarito i suoi rapporti con la Casaleggio & Associati.

Non per questo, però, il M5S è finito, tutt’altro. E’ l’unico partito italiano a non aver avuto nessun condannato per reati di corruzione e, inoltre, non prende un soldo di finanziamento pubblico, ossia li devolve (essendo obbligato ad incassarli) verso la società civile. Mai stato un problema, un ammanco.
Poi, vorremmo ricordare che Renzi prese, alle elezioni, più del 40% - e dunque ben oltre Salvini – eppure in pochi anni è crollato ed oggi, a parte le furberie che mette in atto, non conta più niente.
E credetemi: Renzi, come persona – per abilità dialettica, comportamento, furbizia ed altre doti – ne fa due di Salvini.

Salvini parla alla “pancia” dei suoi elettori ed ha trascinato, appunto, quella parte del M5S che non ragionava con la testa, bensì con la pancia: attenzione, però, perché basta un po’ di dissenteria od una colica, e la pancia ti dimentica, con una scorreggia vai in fumo, attento Matteo.
Sta commettendo già i primi errori: ieri, a Peschici, è andato a dire che è meglio investire in imprese che creino reddito – si vede che Salvini, per quanto riguarda la questione meridionale, ne sa più di Salvemini – e, inoltre, ha concluso: “piuttosto che i soldi del reddito di cittadinanza”. Un fenomeno, veramente, che ha compreso l’elettorato meridionale.

E poi, questa richiesta di “pieni poteri” e di “elezioni subito”…non ha pensato quanto può aver irritato il Presidente della Repubblica? A tutti gli osservatori internazionali risponde con un “me ne frego”: c’era già uno che rispondeva così, ma non è finito tanto bene.
Oggi, la Lega è in grado di vincere le elezioni: oggi, 10 Agosto, San Lorenzo. Fra due o tre mesi?
Anzitutto, non è assolutamente detto che il governo cada: non voglio entrare nel merito delle mille dietrologie di questi giorni ma, se il M5S volesse (ma non lo vorrà) accettare l’aiuto di chicchessia, non farebbe niente di eticamente scorretto, essendo stato tradito sul campo da un alleato che è sempre rimasto legato al suo padrone, Berlusconi. E, Dudù, continua a scodinzolare senza rendersi conto che lui, proprio Matteo Salvini, non governerà mai l’Italia.

Se il governo dovesse cadere, Mattarella non acconsentirà mai che il Ministro dell’Interno – soprattutto questo ministro dell’interno – sia colui che gestisce la macchina elettorale essendo, lui stesso, il candidato premier! Ma qualcuno, sa ancora ragionare sugli equilibri costituzionali?!?
Sarà un altro a governare, probabilmente Mario Draghi, e allora Salvini si renderà conto d’aver congegnato tutta la faccenda per metter nelle mani dell’UE, ancora una volta, il potere. E tutto questo, badate bene, è perfettamente logico nella sequenza programmata dei banchieri europei, perché Salvini – anche se un po’ sbruffone, è uno del “giro”, mica sconosciuto come quel, quel…Vanvitelli, no, Toncinelli…mah… – è sempre stato accettato: sono 26 anni che è in politica, non ha mai fatto altro!

Ovviamente, dopo un’appassionata campagna elettorale fra lui, Grillo, Conte, Di Battista e un “ripescato” Renzi (che non sa ancora cosa farà, ma è furbo come una volpe e belloccio: una parte gliela troveranno) il risultato non sarà quello che si aspettava: ancora una volta, sarà Mattarella l’ago della bilancia e, con una Finanziaria da spedire in Europa ed un aumento dell’IVA da evitare, si metterà nelle mani di sir Mario Draghi, an Italian politician. E, questa volta, una maggioranza si dovrà trovare, e si troverà.
Subito, il ragazzotto, si metterà ad urlacciare contro l’Europa Ladrona, ma sarà Inverno, le spiagge saranno deserte, le Tv stufe del solito pistolotto sui migranti e sulle tasse: lo sostituiranno con qualcun altro, oppure manderanno in onda una super grandiosa tele-novela dal titolo “Italiani, prima di tutto!” con Mark Harrison, Isabel Incontreras, Gérard Malvenu, Tamas Malinkovic e la partecipazione straordinaria di Albano Carrisi, nella parte del Barone Nero.

Peccato, tanti sogni e speranze di poter vivere in un Paese normale – senza più ponti che crollano e ferrovie inutili da costruire, gente che deve andare in galera e schizza fuori dal “gabbio” dieci minuti prima della sentenza…finite con una telenovela inguardabile…anche Albano, oramai stonato…non potevano metterci che so…Baglioni? Mah, che Paese…

11 commenti:

René ha detto...

Ciao Carlo,
Salvini ha fatto altri errori molto grossolani, il più lampante, a mio avviso, è stato quello di non andare in Parlamento per l'affare con i Russi. Un errore da novellino, a mio avviso. In quel caso trincerarsi dietro un altro 'me ne frego, io penso alle cose reali' è stata una palese mancanza di attributi, nonchè di trasparenza verso il popolo italiano. Salvini dimostra di avere le 'palle' solo quando c'è da bloccare qualche nave (magari della nostra flotta!) con dei disperati a bordo.

Con profonda stima.

René.

bambilu ha detto...

no, stavolta non sono d'accordo. Sono i 5 stelle che hanno tradito...vaccini, più grave di tav, ursula, trenta, toninelli, tria, che remano a favore invasione contro Italiani ed Italia. Vogliamo per davvero le stesse cose che salvini FORSE vuole solo sulla carta. Articolo 1 della Costituzione
Risultati immagini per testo articolo 1 costituzione
«L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo,

che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione...e qui casca l'asino digiuno di cultura linguistica e di Logica: IL SOVRANO E' SOVRANO PERCHE' NON HA LIMITI !

Alberto ha detto...

La prescrizione fa comodo ai magistrati. In primo grado condannano tutti, anche senza prove, poi rallentano il carretto. In secondo grado ti condannano di nuovo, contro ogni logica, trascinando lentamente il tutto. Poi subentra la prescrizione e tutti a casa, chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato. Con questo schema hanno rovinato la vita a decine di migliaia di innocenti. I 5* vogliono il processo a vita. Per toglire la prescrizione è indispensabile separare le carriere, cosa che i magistrati (e quindi i 5*) non vogliono. L'articolo non mi è piaciuto, perché impregnato di odio politico e discriminazione ideologica.

Carlo Bertani ha detto...

E cosa risolvi separando le carriere? I giudici saranno giudici, i PM saranno PM, e allora?
Comunque hai ragione: la mia avversione per Salvini è pari ad una tempesta forza 9.

Eli ha detto...

Il Ministro della Paura ha paura.
L'indagine sui rubli si mette molto male per lui, che sta in condizione di debolezza con solo il 17% in Parlamento.
Allora fa saltare il tavolo, sperando di capitalizzare il risultato delle europee, ed una volta diventato presidente del consiglio, di poter affrontare i processi da una posizione di forza.
Praticamente ci troveremmo in una fase "Berlusconi II, il ritorno", fra processi, immunità, desiderio di sottoporre la Magistratura al potere politico, riforma dell'Ingiustizia, prescrizioni a bizzeffe.

Occorre che i partiti realmente democratici superino le questioni di lana caprina e si coalizzino contro il rinascente fascismo e razzismo. Come nel '45.
Purtroppo Zingaretti non comprende il pericolo reale che stiamo correndo.

Saluti.

Carlo Bertani ha detto...

Bentornata Eli!
Bah, tutto mi sembra ancora molto confuso. Provo a fissare i primi punti.
a)Salvini riconosce la sua appartenenza al centro destra, peraltro mai smentita. Personalmente, ritengo che "qualcuno" - potrebbe essere Gianni Letta? - lo avverte: con quel "pieni poteri" ti sei inimicato molte persone (10.000 follower persi in un solo giorno su FB), e dunque è meglio per te se torni sotto l'ala protettrice del Cavaliere. Il quale, controbatte: va bene l'alleanza elettorale, ma a "pari dignità" che significa, in parlamentarese, facciamo a metà con le nomine di tutti, ministri & attaché di regime. La cosa quadra, perché i sondaggisti hanno detto che, senza il Caimano, Salvini perderebbe buona parte dei collegi del Sud.
b) Governo di scopo, di legislatura, elettorale, ecc, ecc...per ora grande confusione sotto il cielo, va bene così. Nessuno, da parte del PD e di LEU, però, ha smentito la possibilità di un governo di coalizione (o qualcosa del genere) con i 5S. La voglia di tornare al potere è forte, però c'è l'incubo di non riuscire ad avere risultati che, in seguito, non comportino un trionfo de centro destra. Però, il messaggio a Mattarella è stato inviato, e dunque il governo cadrà, ma la fase di ricerca di un nuovo governo sarà lunga, e Salvini freme: ha raggiunto l'apice della sua popolarità fra l'elettorato "di pancia", che non ama i "Capitani" che non chiudono subito la faccenda. Insomma, non vogliono un coitus interruptus, ma Mattarella non è più nell'età di prendersi questi affanni (!).
3) L'ipotesi, a mio avviso, più gettonata è un governo istituzionale che porti a casa la Finanziaria e scapoli l'aumento dell'IVA: Mario Draghi sarebbe perfetto, se consideriamo le aperture dei 5S nell'occasione del voto della presidente europea. E' chiaro che è un maquillage: il governo potrebbe durare fino a trasformarsi in un governo di legislatura. Ai 5S verrebbero garantiti il RdC, magari la riforma Bonafede ed il taglio dei parlamentari, ma dovrebbero dimenticare altri pezzi "forti", come la cacciata dei Benetton.

A mio parere, queste trattative sono tutte in atto: per questa ragione Mattarella attende, tranquillo, alla Maddalena.
La cosa che più mi ha colpito, in questa faccenda, è stata l'ottusità di Salvini, che si è veramente meritato l'epiteto di "Capitan Dugongo".
Di certo, la necessità di non approvare la Bonafede ha fatto tanto...ma poteva tirare in lungo, proporre, mediare...invece ha fatto saltare il banco.
Cosa volete...il sole, le spiagge, le belle al bagno che lo acclamano...il Dugongo è andato in calore, ha smarrito ogni freno inibitore...eh, gli ormoni che brutti scherzi fanno...e finisci per chiedere "pieni poteri", dimenticando che dei poteri ne hai, ma solo come ministro dell'Interno.
Invece, la frittata s'è scompigliata nella teglia e, adesso, è tutta arruffata e sformata, al punto che sono dovuti intervenire Berlusconi e Letta, per tentare di darle forma. Sarà molto difficile: vedremo, quando tornerà Mattarella, cosa dirà.

Carlo Bertani ha detto...

Grazie a tutti voi! Domani parto, non so quando ci sentiremo di nuovo: comunque, nelle acque territoriali il segnale Internet dovrebbe esserci, almeno fino a 6 miglia!

Eli ha detto...

Confido nella saggezza di Mattarella.
Draghi sarebbe il colpo di grazia per la nostra Repubblica.
Onore alla ministra Trenta, che è stata l'unica a tener testa alle prepotenze del dugongo.
Chapeau!


Come si dice in questi casi? Buone vacanze!
E.

escort ha detto...

gaziantep escort
kayseri escort
samsun escort
afyon escort
manisa escort
mersin escort

Unknown ha detto...

Salvini è un fantoccio,personalmente mi è più simpatico del suo omologo Renzi,ma è pur sempre un quaraquaquà. Come giustamente fa notare Carlo da solo non ha i numeri per governare con questa legge elettorale fatta apposta per fermare il cambiamento.Se si presenterà con Berlusconi e la Meloni insieme non avranno più del 25%. Idem il PD.I 5S da soli ritorneranno sopra il 30% e quindi siamo punto e a capo.La mia sensazione è che la politica della destra e della sinistra e centrodestra e centrosinistra e centrocampo e fasce laterali sia finita per sempre.I 5S sono stati e probabilmente lo saranno ancora per un po' i portavoce di una volontà di cambiamento che non si potrà arginare con le armi e stratagemmi a cui i nostri politici sono addestrati.I governi stanno in carica sempre meno tempo e la sensazione è che non sappiano più che pesci pigliare...

Christian ha detto...

La frase "grande confusione sotto il cielo, va bene così" è una citazione del famoso Mao Tze-Tung (Mao Zedong).

Sono una "brutta persona" se per Nicola Zingaretti mi viene il soprannome "Ladruncoli", dato il suo cognome, cioè "piccoli zingari"? Uah uah uah